Nasce l’ ASD Swatt Club, Il team di Solowattaggio.

Swatt Club ASD

É nata l’ASD Swatt Club, la squadra di bici creata per voi cari lettori, per voi amanti dei watt e dello stile. Il Team è stato creato per tutti coloro i quali non ne possono più di appartenere a squadre senza un credo, senza un’anima e senza alcun senso d’appartenenza. Squadre oramai obsolete, dove il ciclismo che piace allo Swatt Club è pura utopia. Un Team che renderà fieri d’indossare la maglia Swatt in ogni swattata in bicicletta i propri tesserati, i quali ridicolizzeranno tutti i ciclisti con maglie provinciali piene di sponsor, dove l’eleganza viene lasciata nel comodino. I wattaggi dei nostri membri, assieme al doveroso Bikeporn, saranno sempre al centro del nostro progetto. L’ex pro bergamasco Eddy Mazzoleni sarà il vero e proprio faro di questo team, Eddy sarà un punto di riferimento per tutti, per un consiglio, e per ogni eventuale problema dei nostri atleti. Assieme a lui ci sarà una stretta collaborazione con Enrico Licini e Niklas Quetri, conduttori di 4Performance, centro appositamente costruito per il posizionamento in sella dei corridori. Enrico e Niklas, da anni seguono professionisti come Davide Malacarne, oppure i triathleti De Gasperi e Risti.

La presentazione ufficiale della squadra avrà luogo ad aprile, presso il ristorante Casanova di Eddy Mazzoleni, situato a Curno in provincia di Bergamo. Il presidente Carlo Beretta introdurrà il progetto, la filosofia dello Swatt Club e gli obbiettivi. Uno di questi sarà quello di organizzare nel mese di maggio una pedalata da Cortina fino alle Tre Cime di Lavaredo assieme ad Eddy, dove nel 2007 ipotecò il suo terzo posto al Giro d’Italia. Al Casanova si terrà la conferenza stampa, tra gli invitati anche Ivan Gotti, vincitore del Giro d’Italia nel 1999. Dopo il rinfresco, il programma prevede la prima coffe ride con tutta la squadra a Bergamo alta, dove verranno scaricati i primi watt. Sarà una vera sfilata, dove i nostri corridori saranno protagonisti con il body Swatt, le loro occhialate e le loro gambe piene di Watt. 

Sarà un' annata piena di Watt

Sarà un’ annata piena di Watt

Diversi pro del mondo del ciclismo, saranno sempre al nostro fianco per saperci consigliare nel migliore dei modi. Non mancherà di certo nemmeno il mondo delle fixed bike e della Red Hook dove Roberto Pagliaccia e tutto il Cykeln Divisione Corse ci appoggeranno nel portare avanti questo progetto. Il programma prevede inoltre il primo raduno nel mese di giugno all’Isola d’ Elba. Il professionista della Bardiani CSF Simone Velasco ospiterà il team nella sua terra, dove i nostri corridori oltre a devastare le strade isolane con i loro Watt potranno anche dare il loro meglio la sera con spritz e cocktail nelle discoteche. Gli Swatt Corner al Giro d’Italia, saranno poi un fondamentale momento d’incontro per tutti quanti, per raccontare le proprie imprese nelle competizioni anche amatoriali mentre assaporerete una tazzina di caffè Rocket Espresso, il caffè dello Swatt Club.

Watt, stile e coffee ride, benvenuti nello Swatt Club

Watt, stile e coffee ride, benvenuti nello Swatt Club

Il regolamento interno dello Swatt Club dovrà essere visto come il vangelo secondo cristo per i componenti del team. Esso vedrà in primo luogo il divieto assoluto di ingurgitare glutine farine 00 per limitare picchi glicemici controproducenti in termini di prestazioni e salute. Le scarpette nere ed i pantaloncini bianchi saranno rigorosamente vietati, come non sarà consentito l’uso del 50/34 davanti, la classica compatta provinciale, o di qualsiasi gruppo che non sia sram red dura ace. Sul sito Solowattaggio verrà inoltre inserita un’apposita sezione dedicata alla squadra, dove potrete conoscere i corridori, il loro motore ed il loro credo sportivo.

Insomma sarà il team del bikeporn caratterizzato in primo luogo da occhialate alla Taylor Phinney e da body traspiranti alla Tom Boonen al posto delle classiche magliette con il colletto osceno; dove il calzino esuberante alla Thomà Voeckler sarà un vero e proprio must e la ruota con il profilo più basso dovrà essere la classica lenticchia”.

La divisa con ogni probabilità sarà un misto tra l’ eleganza dei nostri colori e la tecnologia di tessuti che avremo a disposizione da Alpebike. I fratelli Pellichero, titolari della omonima manifattura, continueranno a farci avere i loro capi, confezionati manualmente e con estrema precisione nel loro laboratorio di Valdagno. Non vedrete infatti i nostri corridori con completi Made in China. Pedalare con una divisa che vede il bordino giallo” sulla manica sinistra, per noi sarà più importante che indossare il casco.

Per iscrivervi, o per qualsiasi informazione non esitate e scriveteci a swattclub@gmail.com. Ricordatevi però una cosa: non abbiate paura di non essere all’altezza, di non essere corridori amanti delle competizioni o di non essere abbastanza forti. Iscrivetevi a questa squadra per sentirvi parte di uno stile di vita: lo Swatt Club. Vi aspettiamo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *